Pratica di attenzione al respiro appena svegli

e in ogni occasione possibile

Appena svegli, senza indugiare, sedetevi dove vi piaccia, anche sul letto appoggiando la schiena alla testiera.  Basterà manteniate l’attenzione sul processo della respirazione.
Si presenteranno numerose distrazioni e potreste sentirvi infastiditi, irritati, incapaci e di voler smettere… Non scoraggiatevi. Riconosceteli questi sentimenti, questi pensieri, e riportate l’attenzione al respiro, all’aria che entra e che esce dalle narici, oppure all’addome che si alza e che si abbassa.

  1. Minuziosa osservazione del processo della respirazione e delle sensazioni collegate;
  2. paziente e gentile accoglienza delle distrazioni;
  3. giusta determinazione.

E ora proviamo.
Dalla mia voce potrete ascoltare alcune semplici istruzioni. Nella registrazione vi accompagno per circa 7 minuti.
Vi suggerisco di puntare un campanello che suoni dopo 10-15 minuti in modo da darvi un termine.
Quando vi sentirete di poterlo fare, aumentate a 24, 40, 60 o più minuti.

Questa pratica,  ripetuta durante il giorno, rinforza i benefici che può offrire.

Potrebbe essere interessante leggere anche

cibo, rabbia, movimento
CONDIVIDI
Share